La trombosi è una malattia causata da coaguli di sangue stazionari che possono bloccare il flusso sanguigno. È questa condizione che è stata sempre più legata al covid-19 dall'inizio della pandemia, quando si è scoperto che nei pazienti infetti si verificavano coaguli di sangue. Tutto su questa infezione Tuttavia, questa infezione è stata recentemente collegata alla sospensione temporanea in vari paesi del vaccino di AstraZeneca, dopo che è stato collegato ad alcuni casi di trombosi in persone che lo avevano ricevuto. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha sottolineato che l'inoculazione contro la SARS-CoV-2 non ridurrà le morti per altre malattie e ha ricordato che il tromboembolismo è la terza malattia cardiovascolare più comune nel mondo. Gli esperti coinvolti con l'OMS hanno sottolineato che si deve continuare a fare attenzione al vaccino e che si deve prestare attenzione agli effetti collaterali che possono verificarsi in coloro che ricevono le dosi. Hanno anche incluso nelle loro dichiarazioni che i pazienti dovrebbero ricevere le informazioni necessarie su questi possibili effetti collaterali per evitare ulteriori complicazioni e che possono essere trattati in tempo se esistono. Un risultato più che soddisfacente Anche se il fatto che questa relazione sia in fase di studio lascia molte persone preoccupate di sapere se soffriranno di trombosi, è comunque consigliabile essere vigili e consultare un medico se si verifica uno dei seguenti sintomi dopo la vaccinazione: mal di testa, febbre, vomito, fastidio al sito di puntura, mancanza di respiro, problemi visivi e neurologici e gonfiore alla gamba. La trombosi è una malattia grave, a seconda delle sue dimensioni e della zona in cui si verifica. Nonostante questo, non sono tutte cattive notizie, dato che la stragrande maggioranza di solito si riprende con un buon trattamento e una buona cura.

Il Brasile si trova nel mezzo della peggiore crisi di infezioni della sua storia a causa di una nuova variante del Coronavirus. Anche se gli esperti stanno elaborando solo informazioni non ufficiali per cercare di modellare il nuovo profilo del virus, si crede che sia una mutazione più pericolosa e infettiva di quella che il paese ha sperimentato nella prima ondata.

Diffusione del virus in altre regioni del Brasile

I registri governativi e non profit mostrano che almeno 1.500 cadute si verificano ogni giorno nella nazione caraibica. Ciò significa che circa 10.000 persone hanno perso la vita nell'ultimo mese. Queste cifre collocano il Brasile come il secondo paese con il più alto numero di morti per COVID-19.

La preoccupazione dell'OMS, espressa nei suoi ultimi comunicati, è l'incapacità delle autorità statali di contenere la variante mortale del virus. A causa della sua natura aggressiva, se non si prendono le giuste decisioni, potrebbe infettare il resto del continente.

L'America Latina è particolarmente vulnerabile alle devastazioni della pandemia. La maggior parte dei paesi della regione sono sottosviluppati e hanno economie nascenti, rendendo difficile investire in risorse e attrezzature specializzate per invertire la crisi internazionale.

Effetto domino di un nuovo ceppo

Scienziati ed esperti epidemiologici nel Regno Unito e in Brasile stanno conducendo un'indagine approfondita sull'agente e la fonte delle nuove infezioni.

Anche se i risultati sono ancora scarsi, la variante è stata identificata come P.1, e le prime occorrenze sono state rintracciate in Sud Africa e Gran Bretagna.

La mutazione è potente. I primi studi garantiscono la capacità di mettere fuori gioco gli anticorpi di coloro che sono stati infettati in passato, abbattendo la loro immunità. Si diffonde due volte più velocemente.